play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • play_arrow

    DJ International The Official Radio of Dance Music

CULTURA

Cultura, musei e intelligenza artificiale

today17 Gennaio 2024 8 1

Sfondo
share close

VIAREGGIO

L’utilizzo delle dimensioni digitali e della tecnologia funzionale nel panorama culturale e museale sta occupando un ruolo determinante in relazione alla digitalizzazione dei beni culturali e al coinvolgimento esperienziale dei visitatori. Con l’intelligenza artificiale aumenterà la possibilità di interazioni sempre più soggettive grazie alla Chatbot e all’analisi in tempo reale dei Big Data. Ma quali potranno essere le conseguenze di una sua evoluzione non disciplinata? Arriveremo a dotare l’intelligenza artificiale di potere decisionale? Dovremo cambiare i modelli formativi? Gli artisti ne potranno trarre beneficio o ne subiranno il fascino rimanendo intrappolati dalla facilità di uso? Il seminario “Cultura e tecnologia funzionale. Come l’intelligenza artificiale sta cambiando i mondi della percezione e della formazione”, organizzato e coordinato da Omina, si terrà venerdì 19 gennaio dalle 9 alle 13 all’Hotel Esplanade in piazza Puccini. Sono previsti gli interventi di Vincenzo Vespri, Donatella Buonriposi, Paolo Masini, Fabio Viola, Riccardo Manzotti (foto), Moor Gianluca Balocco e Simone Rossi. A moderare Maurizio Vanni, museologo all’Università di Pisa e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti, Paesaggio per le Province di Lucca e Massa Carrara.

All’incontro saranno presentati i tre progetti finalisti della challenge “Viareggio Playable City” che hanno visto impegnati gli Istituti di Istruzione Superiore “G. Galilei” e “C. Piaggia” di Viareggio. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Scritto da: Mariangel Delgado

Rate it

Articolo precedente

Tecnologia

Apple, gli sviluppatori possono offrire acquisti in-app all’esterno dell’App Store

Negli USA gli sviluppatori di terze parti ora possono offrire acquisti in-app che puntano a link esterni all’App Store, ma non cambierà quasi nulla per Apple dal punto di vista dei ricavi e delle commissioni sulle app a e sugli acquisti in-app. La possibilità di offrire acquisti da link esterni all’App Store arriva al termine della disputa legale tra Epic Games e Apple, dopo che la Corte Suprema ha deciso di non accogliere […]

today17 Gennaio 2024 56

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


0%